BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Gen 172017
 

“Libera Basilicata non ha mai smesso di affermare che in questa nostra regione le mafie non sono scomparse anzi, nomi noti e meno noti continuano ad operare cercando di detenere il controllo del territorio ai danni delle tante persone oneste.

L’elemento importante, che merita attenzione e soprattutto indica una reazione adeguata al sopruso ricevuto, riguarda le denunce delle vittime, di chi ha subito ingiustamente la prepotenza ed ha deciso di avere fiducia nelle istituzioni e non in chi imponeva loro la protezione e la sicurezza, utilizzando, secondo le indagini, metodi mafiosi.

Altro dato rilevante è il ruolo delle dichiarazioni di un testimone di giustizia che già nel 2014 aveva affermato “ il clan Martorano Stefanutti esiste ancora …sono organici allo stesso Michele Scavone, Alessandro Scavone , non so se è stato battezzato Luchian il rumeno…” , individuando nelle persone oggetto dell’odierno provvedimento una contiguità al clan mafioso e alle alleanze con la ‘Ndrangheta.

E la Giustizia ha funzionato anche attraverso la cooperazione internazionale di Polizia, grazie ad un precedente mandato di arresto europeo spiccato della stessa Procura di Potenza che ha permesso di trarre in arresto, in Romania, il romeno Luchian. La sua individuazione è stata possibile seguendo il flusso finanziario ossia i versamenti a suo favore da persone che dimorano a Potenza.

Seguiremo gli sviluppi di questo provvedimento e di come le mafie continuano ad agire in Basilicata, spesso indisturbate, non solo attraverso i metodi mafiosi, il potere di assoggettamento nell’incutere timore o perpetrare quel senso di accerchiamento da infondere nelle vittime, ma anche attraverso operazioni legali che mascherano intestazioni fittizie, assunzioni di familiari o amici, voti di scambio, concessioni, autorizzazioni, appalti .

Non possiamo e non dobbiamo permettere che il contrasto alle mafie spetti solo al riconoscimento dei reati penali e che sia un problema dei giudici. Le mafie agiscono nei nostri mondi e continuano a fare affari. Iniziamo a stare dalla parte di chi le subisce”.

Libera Basilicata

Logo-LIBERA

 Lascia una Risposta:

*