Flash Feed Scroll Reader
apr 232015
 
image_pdfimage_print

Nasce il Gart (Gruppo Archeologi e Restauratori Tortoresi), un progetto formativo volto ad acquisire informazioni tecnico-pratiche durante gli scavi nel Parco Archeologico di Tortora.
Il progetto si rivolge a laureti in Beni Archeologici/Archeologia e Storico-Artistici; Conservazione e Tecniche per il Restauro dei Beni Culturali; Scienze del Turismo e indirizzi di laurea analoghi.
“Come Amministrazione Comunale – ha spiegato il consigliere di maggioranza con delega alla Cultura, Sergio Tranchino – abbiamo sempre creduto nelle potenzialità artistiche e storiche del nostro territorio. Il nuovo museo di Blanda, la riapertura degli scavi del Parco Archeologico, sono l’esempio di come abbiamo operato per caratterizzare la nostra cittadina, valorizzando quelle che sono le risorse culturali che essa possiede”.
“Abbiamo accolto immediatamente con grande interesse questo nuovo progetto – ha concluso Tranchino – e ne siamo stati lieti anche perché a proporlo è stata una giovane tortorese, la dott.ssa Daniela Sarubbo. Crediamo nelle potenzialità dei nostri giovani e cerchiamo di dare loro lo spazio che meritano. Il Parco Archeologico offrirà nuove opportunità di crescita a questo territorio, che permetterà anche di destagionalizzare l’offerta turistica”.
Obiettivo del “Gart” è quello di acquisire competenze teoriche per la gestione delle attività di cantiere, in tutte le fasi di svolgimento all’interno del Parco Archeologico.
La partecipazione al progetto è gratuita, la domanda va consegnata allo sportello protocollo del Comune di Tortora, con allegato il curriculum vitae.
Valentina Bruno

Comune di Tortora