Flash Feed Scroll Reader
feb 192015
 
image_pdfimage_print

Pubblichiamo di seguito una nota del Pd di Latronico sulle vicende cittadine.
“La Segreteria politica del Circolo PD di Latronico,
-viste alcune note giornalistiche pubblicate dall’Eco di Basilicata sul significato del Convegno tenuto il 18 luglio 2014 a Latronico, nel Cinema Nuova Italia;
-preso atto che nell’incontro tenuto il 21 dicembre nei locali del partito alla presenza del Segretario Regionale del PD Luongo da parte tua è stata avanzata la disponibilità a trovare un’intesa operativa sulle questioni di grande interesse per la Comunità di Latronico;
-considerato che la Società Russit è prossima ad avviare il recupero del Complesso Alberghiero di Calda;
mi ha incaricato di comunicarti quanto segue:
1-Il Circolo Pd di Latronico nella sua interezza, senza esclusione alcuna, è fortemente impegnato a sostenere a qualsiasi livello politico ed istituzionale il Complesso alberghiero che la Società Russit intende realizzare a Calda;
2-il Complesso Alberghiero-termale da sempre è stato oggetto dell’impegno politico ed amministrativo delle classi dirigenti che si sono avvicendate negli ultimi 45 anni, senza distinguo alcuno;
3-ai giovani amministratori che ti affiancano è doveroso far conoscere la storia “vera” della Questione terme, senza false e faziose valutazioni.
Mi preme poi evidenziare:
1-L’Amministrazione comunale deve rappresentare il trait d’union tra la Regione e la Società Russit per tutti gli aspetti amministrativi che il rapporto comporta;
2-l’Amministrazione comunale non può e non deve farsi coinvolgere in eventuali contrapposizioni tra Soc. Russit e Terme Lucane come vorrebbe qualcuno, perché gli interessi delle due parti non contrastano, anzi possono integrarsi armonicamente vista la tipologia diversa dell’utenza;
3-l’operato dell’Amministrazione comunale per far risaltare le qualità ambientali e umane della cittadina e dei latronichesi, è apprezzabile, come pure la determinazione e l’impegno applicati;
4-altrettanto apprezzabili sono da considerare le qualifiche acquisite (Comune termale-Comune virtuoso-percentuale raccolta rifiuti differenziata-ecc.) e i rapporti stabiliti con Comuni già in possesso di una consolidata esperienza termale (Abano Terme) per un indirizzo turistico locale rinnovato.
Mi permetto di ripeterti quanto detto in altre occasioni:
1-Ritengo che l’Amministrazione, nel rispetto della volontà espressa dalla cittadinanza col voto amministrativo e nel rispetto del ruolo di gestore della politica locale assegnato alla maggioranza e di controllo assegnato all’opposizione, abbia interesse a coinvolgere ufficialmente il PD per le grandi problematiche riguardanti la Questione Terme;
2-il coinvolgimento ufficiale del PD eviterebbe il ripetersi di numerose situazioni non edificanti (veti incrociati) sperimentate per dieci lunghi anni (1984-1993), in cui misere contrapposizioni tra fazioni politiche locali non facevano altro che rallentare decisioni politico-istituzionali scontate e percorsi amministrativi ordinari e dovuti;
3-il coinvolgimento ufficiale del PD eviterebbe anche eventuali alibi ad organismi regionali sempre pronti a schierarsi “per l’uno o per l’altro”, senza alcuna preferenza, solo al fine di garantirsi miseri e personali tornaconti.
Quanto innanzi esposto si è reso necessario:
1-perché, a distanza di sei mesi dalla presentazione della proposta di progetto della Soc. Russit sul Complesso Alberghiero e dalla mia malintesa valutazione tecnica, usata per collocare il PD in una posizione di contrasto coinvolgendo lo stesso Presidente Pittella, e nonostante varie smentite, ancora si avanzano dubbi sulla posizione di un Circolo PD locale non contrario ma favorevolissimo a sostenere i programmi della Soc. Russit;
2-affinché una volta per tutte l’Amministrazione sulla Questione Terme assuma coscienza che può fare affidamento su un PD locale leale, senza pretese e senza credito morale o politico.
Ti saluto cordialmente.
Felice Ponzo Segretario Circolo PD”

latronico