Flash Feed Scroll Reader
apr 032014
 
image_pdfimage_print

La Compagnia della Guardia di Finanza di Lauria ha concluso una importante iniziativa nel settore dei giochi e delle scommesse sportive. E’ stata sottoposta a sequestro, nella zona del Mercure, una Agenzia di scommesse sportive STANLEYBET, che operava in assenza delle prescritte concessioni statali e licenze di pubblica sicurezza
Il gestore del punto è stato segnalato alla Procura di Lagonegro per la violazione penale di cui alla Legge 13 dicembre 1989 nr. 401: esercizio abusivo di scommesse sportive.
Sotto la lente d’ingrandimento delle Fiamme Gialle, il fenomeno delle scommesse sportive risulta in crescita esponenziale, visto il giro di affari che interessa il settore negli ultimi anni, con il proliferare delle Agenzie che propongono eventi sportivi, nazionali ed internazionali, sui quali scommettere, concorsi a pronostici, videogiochi, giochi on line ecc.
Molto spesso tutto questo avviene in carenza di qualsiasi concessione o autorizzazione, sia di pubblica sicurezza che dei Monopoli dello Stato, attraverso società che hanno sede all’estero (i cosiddetti bookmakers), e che raccolgono gli introiti delle giocate senza versare alcunché al fisco italiano. La STANLEYBET, in effetti, ha sede a Malta, e non ha partecipato alla gara di appalto per le concessioni all’esercizio delle scommesse sul territorio italiano.
Proprio questa illegittima esenzione dagli obblighi tributari permette agli allibratori esteri di fornire un servizio più competitivo rispetto ai titolari di concessioni: le quotazioni previste per le vincite risultano essere più alte e quindi la clientela viene attirata da prospettive di vincita allettanti. Il fenomeno, come noto, molto spesso degenera in vere e proprie patologie o comportamenti distorti, quali la ludopatia o il gioco da parte di minori.
In ragione di tutte queste anomalie, i finanzieri hanno provveduto a sequestrare anche le ricevute delle scommesse eseguite, al fine di ricostruire il giro d’affari dell’Agenzia.

cappetta