Flash Feed Scroll Reader
mar 042014
 
image_pdfimage_print

Dopo la rapina consumatasi stamane in un ufficio postale di Balvano e a seguito di analoghi episodi che hanno interessato negli ultimi tempi alcune filiali bancarie in Basilicata, non ultimo alla Banca Popolare di Bari di Venosa lo scorso febbraio, il segretario regionale della Fiba Cisl, Gennarino Macchia, torna a sollecitare una maggiore attenzione al tema della sicurezza degli operatori bancari e postali. Macchia parla di “vero e proprio turismo predatorio messo in atto da bande che arrivano dalle regioni limitrofe e che approfittano della bassa soglia di attenzione per realizzare i loro propositi criminali mettendo a repentaglio l’incolumità fisica e psicologica dei malcapitati lavoratori”. Per il segretario del sindacato bancari della Cisl “se non si interviene prontamente la Basilicata da isola felice rischia di diventare terreno di facile preda della criminalità d’importazione. Per questo è necessario tenere alta la guardia e rafforzare le misure preventive di sicurezza”. Per Macchia “la tutela della sicurezza delle persone non può essere più garantita dai comitati per l’ordine e la sicurezza, ma occorrono strumenti nuovi come i protocolli per la prevenzione della criminalità in banca, attraverso il coinvolgimento attivo di gli attori del settore, comprese le organizzazioni sindacali di categoria che registrano la preoccupazione diffusa degli operatori”.

rapine