Flash Feed Scroll Reader
ott 302014
 
image_pdfimage_print

La tradizione della mensa dei defunti risale a quasi 30 anni fa, quando in un’abitazione sul corso principale del paese si organizzava una tavolata in onore dei defunti alla quale prendevano parte le persone più bisognose.
A portare avanti questa consuetudine era una signora, molto conosciuta in paese perché per molto tempo era stata la titolare di un negozio di generi alimentari.
A mezzanotte del primo novembre era imbandita una tavolata con un pasto completo preceduto nel pomeriggio dalla frittura delle pettole.
Secondo la tradizione popolare si lasciava la tavola con le pietanze per onorare la processione dei defunti che si protraeva per tutta la notte. Proprio l’etimologia del termine “pietanza” riconduce alla pietas nei confronti dei poveri che affollavano le mense. Nella ricorrenza dei morti alcune famiglie nobiliari usavano offrire, per rinnovare la pietà nei confronti dei defunti, pasti gratuiti per le persone meno abbienti.
La Pro Loco di Ferrandina nell’attività di rivalorizzazione delle tradizioni ha inteso riproporre questa usanza al fine di divulgarla anche alle nuove generazioni.

mensa dei defunti