BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Feb 042014
 

“Regolamento urbanistico, Carpineto, lavori di ammodernamento A3: risultati zero. L’Amministrazione non fa nulla per gestire con celerità ed efficienza le criticità aperte che richiedono invece impegno quotidiano volto a far rispettare il territorio ed i suoi cittadini. E’ una situazione inaccettabile e quello dei tagli e della particolare congiuntura economica ormai è solo un alibi”.

A denunciarlo, il capogruppo di Lauria Libera Angelo Lamboglia. “Preso atto della tragica situazione sul dissesto idrogeologico, su cui ci si sta attivando per dichiarare lo stato di emergenza, è emersa  – dichiara il capogruppo a margine della seduta odierna della Commissione Speciale, in cui sono stati molti i punti all’ordine del giorno discussi tra cui proprio l’impianto di Carpineto, il regolamento urbanistico, l’impatto dei lavori di ammodernamento della Sa-Rc (tra cui la questione Piano Menta ed il deflusso delle acque nella piana di Galdo) – la situazione di ristagno in cui versa l’attività amministrativa per tutte una serie di problematiche di rilievo”.

A preoccupare il capogruppo di Lauria Libera, in particolare, il tema del regolamento urbanistico (“fermo al palo, nonostante l’incombere della scadenza della proroga prevista per fine dicembre prossimo, termine oltre il quale si rischia il blocco totale del comparto edilizio”), la situazione su Carpineto ( “la stessa di circa un anno fa: caratterizzazione ancora non avviata ed impianto non collaudato, con evidenti problematiche di competenza degli uffici in merito”), la situazione riguardante la frana di Piano Menta ed il deflusso delle acque nella piana di Galdo (“nonostante le famiglie sfollate ed i danni al territorio, non si è fatto un passo in avanti rispetto all’accordo in Prefettura tra le parti nel maggio scorso, sia per quanto concerne gli studi sia per quanto riguarda il consolidamento previsto; inoltre non vi è traccia alcuna della  convocazione del tavolo come previsto per affrontare il problema delle acque che ad oggi rappresenta una seria minaccia per le abitazioni”). E “a ciò aggiungiamo – attacca il capogruppo – che il Consiglio aspetta da oltre un mese il rinnovo dell’Ufficio di presidenza, utile a consentire il regolare svolgimento delle attività consiliari”.

Insomma, conclude Lamboglia, “con la sua inerzia che ormai dura da quasi tre anni a questa parte, l’Amministrazione sta portando verso il baratro un Comune, quale quello di Lauria, che sicuramente merita ben altro”.

angelo lamboglia 1

 Lascia una Risposta:

*