Flash Feed Scroll Reader
mar 102014
 
image_pdfimage_print

Riapre al pubblico l’Archeoparco di Andriace con le attività didattiche a partire da Aprile.
Nato nel 2008 dalle attività associative dell’Archeoclub d’Italia “Siritide” onlus, in partnership con il Comune di Montalbano Jonico (MT), l’Archeoparco di Andriace è il più grande archaeological open air museum d’Italia, con i suoi 10 ettari di macchia mediterranea, all’interno dell’area demaniale del Comune di Montalbano Jonico denominata “Bosco di Andriace”.
Mira alla valorizzazione storico-antropologica del territorio, nonché alla tutela della natura mediterranea, proponendo la ricostruzione a grandezza naturale di manufatti antichi, scientificamente documentati: il villaggio neolitico, composto da due capanne e da altre strutture funzionali alle attività quotidiane come il pozzo, le aree di lavoro, il pagliaio, etc. e delimitato da un fossato di recinzione; la riproduzione di diversi contesti funerari relativi ai periodi enotrio e greco; l’Ikria, ricostruzione di una delle prime forme di strutture mobili lignee utilizzate per manifestazioni e rappresentazioni pubbliche teatrali di epoca greca; e il castra, accampamento militare romano da marcia fortificato, presto fruibile, a completamento della già ampia offerta culturale
Vasta è, inoltre, la gamma di laboratori didattici di archeologia sperimentale e delle attività pratiche e giochi interattivi con la natura.
Lo scopo è di avvicinare il visitatore al patrimonio storico-archeologico e ambientale del nostro territorio, comprendendo e sperimentando le attività principali della vita quotidiana dell’uomo preistorico all’interno del villaggio neolitico e toccandone con mano strumenti ed oggetti; di conoscere le forme di culto in un percorso diacronico dal periodo preistorico a quello greco, attraverso la simulazione di un vero e proprio scavo archeologico; di viaggiare nel tempo attraverso i giochi, i racconti e le rappresentazioni dei miti del mondo antico.
Inoltre, l’Archeoparco di Andriace, con i suoi numerosi sentieri naturalistici, tra cui il “Sentiero della natura mediterranea”, il “Sentiero Grufolante” e il “Sentiero umido”, sicuri e attrezzati di sussidi didattici, permette di addentrarsi nell’habitat mediterraneo dell’arco jonico, per conoscerne la diversità vegetale e biologica.
Archeologi, operatori dei beni culturali, restauratori e guide turistiche hanno il compito di condurre il visitatore in questo grande museo all’aperto, dove natura e cultura si fondono.
Per info e prenotazioni contattare il numero 342.6843359 o visitare il sito www.archeoparcodiandriace.it

AA2