Flash Feed Scroll Reader
mag 142014
 
image_pdfimage_print

Ci sono dispositivi che ci si augura di non dover mai usare, ma di cui, in caso di necessità, è essenziale poter disporre. Tra questi spicca il defibrillatore, apparecchio di vitale importanza in quelle situazioni di emergenza cardiaca quando la variabile tempo gioca un ruolo fondamentale e di cui, da oggi, dispone anche la Società Operaia “F. S. Nitti” di Melfi. Il prezioso dispositivo è stato donato dai soci del Lions Club cittadino che si sono resi protagonisti dell’ennesimo gesto di altruismo. Un gesto lodevole che si inserisce in un percorso, ben più ampio, verso il miglioramento della qualità della vita di tutta la comunità melfitana. Lo scorso anno infatti, si è svolto il primo step, prettamente informativo, con un convegno sull’importanza del defibrillatore e sulla cultura della prevenzione con il contributo di esperti del settore, al quale è seguito ora un atto concreto.
Ma c’è di più. Uno strumento, seppur di semplice utilizzo, sarebbe inutile se finisse nelle mani di persone inesperte. Per questo è stata premura del Lions Club Melfi finanziare la formazione di due soci della Società Operaia – Vincenzo Rossi e Davide Montanarella – che hanno avuto la possibilità di frequentare il corso regionale di esecutore BLSD e apprendere così le principali manovre rianimatorie, compreso naturalmente l’uso del defibrillatore. A spiegare l’iniziativa, l’Ing. Rosa Masi, presidente del Lions Club Melfi. “Abbiamo scelto di donare il defibrillatore alla Società Operaia perché rappresenta l’associazione più antica e longeva della nostra Città”. “E’ dal lontano 1886, anno della sua costituzione – ha aggiunto il presidente Masi – che questa associazione conserva intatte le lodevoli finalità dei suoi padri fondatori, rappresentando ancora oggi un valido punto di riferimento per giovani e non, che si incontrano e si confrontano, condividendo il loro tempo libero”.
Un gesto che è stato particolarmente apprezzato da Lorenzo Pagliuca, presidente della Società Operaia. “Ringrazio tutti i soci del Lions Club Melfi per averci donato, con grande generosità e sensibilità, uno strumento che sappiamo bene quanto possa rivelarsi utile e talvolta decisivo in modo particolare nei luoghi molto frequentati”. Presidente Pagliuca che ha poi speso alcune parole per sottolineare l’attualità di un’associazione che non sembra sentire affatto il “peso” degli anni. “La lungimiranza dimostrata nel costruire un punto di incontro e confronto tra persone, è forse il più grande merito di quei 171 padri fondatori che decisero di costruire una società di mutuo soccorso”. Oggi – ha concluso Pagliuca – noi tutti abbiamo la responsabilità di preservare nel tempo questo grande patrimonio convinti che i valori, quelli veri, non hanno una scadenza né tantomeno possono diventare vecchi col passare del tempo”.

Foto melfi