Flash Feed Scroll Reader
apr 172014
 
image_pdfimage_print

In questi primi tre mesi dell’anno, a Tortora, la percentuale di raccolta differenziata conferma il suo trend positivo e si attesta a circa 71 percento.
Il dato più sorprendente emerge dal raffronto con i primi tre mesi del 2013, rispetto ai quali la percentuale ha subito un incremento di circa 15 punti percentuali.
“Alcuni sostengono che il merito della raccolta differenziata – ha sottolineato l’assessore all’Ambiente del Comune di Tortora Franco Chiappetta – sia della passata amministrazione ma noi parliamo di dati veri, inconfutabili e non chiacchiere basate sul nulla, che lasciano trasparire solo una mancanza di obiettività persino di fronte all’evidenza. I risultati raggiunti a Tortora sono assolutamente rilevanti, soprattutto se paragonati allo scenario vigente in Calabria. Da diverso tempo, infatti, la nostra regione mostra uno spettacolo indecoroso per le tante tonnellate di rifiuti che vengono accumulati per strada”.
“Siamo riusciti ad evitare che tali scenari si palesassero a Tortora – ha continuato Chiappetta – e siamo diventati per tanti un modello da seguire. L’immagine negativa che i media nazionali stanno diffondendo della nostra regione ci preoccupa, tale situazione potrebbe minare il flusso turistico per la prossima stagione estiva. Temiamo inoltre che prima o poi il sistema di raccolta dei rifiuti possa bloccarsi del tutto, con gravi risvolti di carattere igienico sanitario. Un’eventualità che a lungo andare potrebbe realizzarsi anche da noi. La nostra cittadina, benché virtuosa e rispettosa da quanto previsto dalla legge 152/2006, potrebbe restare vittima della negligenza altrui”.
In Calabria ogni giorno si producono circa 2.300 tonnellate di rifiuti indifferenziati, a fronte di una capacità di smaltimento degli impianti di circa 1.500 tonnellate. Ne consegue che quotidianamente restano per strade grandi quantitativi di rifiuti che non è possibile smaltire.
“Per questo motivo – conclude l’assessore – sarebbe auspicabile che ognuno si assumesse le proprie responsabilità e si autodeterminasse per ottemperare agli obblighi del testo unico sull’ambiente, che all’art. 205 prevede l’avvio della raccolta differenziata per tutti”.

tortora