Flash Feed Scroll Reader
lug 292014
 
image_pdfimage_print

Riequilibrio della fiscalità locale a vantaggio del contribuente, riduzione della spesa, mantenimento dei servizi pubblici essenziali, accelerazione dell’iter di informatizzazione dell’ente.
Sono questi alcuni dei punti salienti del Bilancio di Previsione 2014, approvato nell’ultima seduta del Consiglio comunale (28 luglio 2014).
«Si tratta di un impegno preso e mantenuto dalla Giunta all’insediamento, indispensabile per sbloccare in tempi rapidi l’attività amministrativa che altrimenti avrebbe continuato a lavorare in esercizio provvisorio – dichiara il sindaco Gaetano Mitidieri – E’ un importante risultato, ottenuto nonostante tutti i Comuni vivano un grave momento di difficoltà nel chiudere i propri bilanci di previsione, nonostante ai Comuni sia stata data una ulteriore proroga al 30 settembre 2014 per approvare il documento di programmazione economico-finanziario, malgrado sussistano ancora incertezze sulle risorse trasferite dallo Stato e nonostante la normativa sulla fiscalità locale sia in continuo mutamento». Nello specifico, prosegue il sindaco Mitidieri, «l’Amministrazione si è ripiegata nel tentativo di riequilibrare le uscite contenendo gli sprechi e qualificando gli interventi di spesa, tenendo presente che la disponibilità economica si è fortemente ridotta negli anni a causa soprattutto dei pesanti tagli sui trasferimenti degli enti sovra-ordinati, a partire da quelli dello Stato». Il Comune di Lauria, sottolinea infatti l’Amministrazione, ha dovuto subire negli ultimi quattro anni un taglio pari al 50 per cento, passando dai circa 4 milioni di euro di trasferimenti del 2010 ai poco più di 2 milioni del 2014.

«Abbiamo deciso di non sfruttare la proroga che pure il governo ci dava – afferma l’assessore al Bilancio Rocco Boccia – così possiamo lavorare sulla base del tetto pieno delle previsioni evitando in tal modo una gestione in dodicesimi».
Uno dei punti centrali del documento è il riequilibrio della tassazione tra i vari soggetti o categorie in modo tale da non gravare maggiormente su alcuni di questi a discapito di altri. «Con la Iuc (Imposta unica comunale) che mette insieme Imu, Tari e Tasi – spiega l’assessore Boccia – abbiamo cercato di incidere il meno possibile sulle tasche dei cittadini e di limitare l’impatto sociale di scelte che vengono dall’alto. Si è fatto un lavoro dettagliato su ogni tributo, su ogni fascia sociale o estensione di superficie e abbiamo fatto, sul 90 per cento del campione della platea di contribuenti, una proiezione sulle ricadute che l’imposizione fiscale poteva avere sui vari soggetti».
L’Amministrazione, continua l’assessore Boccia, sceglie di andare nella direzione della riduzione della spesa («recuperiamo risorse riportando all’interno dell’ente la riscossione dei tributi e facendo pagare alla società che gestisce i rifiuti i costi del conferimento dell’umido») per mantenere inalterato lo standard sui servizi pubblici essenziali («anche se il processo di ottimizzazione non è terminato»).
Infine, un tema fondamentale per l’efficacia e l’efficienza dell’Amministrazione, contenuto nel Bilancio previsionale 2014, è la spinta verso il completamento dell’informatizzazione dell’ente. «Con la piattaforma unica fra i vari settori, che partirà nel 2015 – annuncia il sindaco Mitidieri – sarà obbligatorio e costante il dialogo fra gli uffici con il trasferimento immediato dei dati. La centralizzazione dei dati consentirà di programmare al meglio le risposte dell’ente al cittadino e garantirà la massima trasparenza all’utente per le operazioni inserite sul sito istituzionale rispetto al lavoro fatto negli uffici».

municipio