Flash Feed Scroll Reader
mar 242014
 
image_pdfimage_print

“E’ in svolgimento a Castrovillari (CS) il sit-in manifestazione presso la sede della Comunità del Parco Nazionale del Pollino. A sorpresa il presidente Sandro Berardone ha convocato un incontro con i sindaci del parco, su istanza dei comuni favorevoli alla centrale. I cittadini temono colpi di mano con documenti votati su pressione di parte e sotto ricatto. La notizia dell’organizzazione della manifestazione è rimbalzata sui social network (le foto sono di Sancho Fra – Comitato Stefano Gioia). La Ola aveva proprio ieri dato notizia della seduta della Comuinità del parco, evidenziando la presenza all’incontro, anche del presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella. Davanti alla sede della Comunità del Parco del Pollino, a Castrovillari, sono schierate le forze dell’ordine. Su un grande striscione esposto davanti all’ingresso campeggia la scritta” centrale del Mercure come la terra dei fuochi. Enel può avere amministrazioni, parco del Pollino, Regioni Calabrese e Lucana, ma non può toglierci la dignità, rispetto della salute e della vita per i nostri figli. I soldi non valgono una vita. Vergogna!”.
La Ola continuerà a seguire l’evolversi della situazione innescata dal blitz dell’Enel nei confronti della Comunità del Parco che si era già espressa in senso sfavorevole alla riattivazione della centrale che rischia di riaccendere una problematica ed innescare nuove tensioni, dopo che proprio ieri il Consiglio di Stato aveva rinviato ad ottobre ogni decisione sulla centrale Enel del Mercure”.

Oltre 2mila cittadini manifestano contro la Centrale  a biomasse del Mercure