Flash Feed Scroll Reader
feb 272014
 
image_pdfimage_print

“Il sindaco di Latronico continua a menarcela con la storia dello streaming. Ormai è diventata la foglia di fico per coprire qualsiasi cosa.
Provate a dire al primo cittadino di Latronico che c’è una buca o che gli extra terrestri sono atterrati ad Agromonte, ineffabile e serafico, vi risponderà: “noi facciamo lo streaming”.
Il sindaco di Latronico, nell’intervista alla NuovaTv, ha ritenuto di non dover sottolineare che l’inchiesta aperta dalla Procura della Repubblica di Lagonegro, per verificare la regolarità dei bilanci comunali, è nata da reiterate e pubbliche affermazioni di esponenti della sua stessa maggioranza e da un manifesto fatto affiggere in pubblica piazza dalla sua stessa amministrazione.
Una vicenda che ha del paradossale, considerando che Fausto De Maria è stato per sette anni esponente dell’amministrazione Ponzo e per alcuni mesi assessore al bilancio.
Allora, il Sindaco, ben lungi dall’essere un rottamatore, si limitava a supportare l’amministrazione che poi ha improvvisamente e repentinamente ripudiato.
Per come la vedo io, nell’agosto del 2013, l’amministrazione in carica ha sfiduciato se stessa e in particolare l’attuale primo cittadino, che non può certo cavarsela con un “eravamo in carica da tre mesi”.
Non lui, lui no. De Maria era in carica da 7 anni.
Delle due l’una: o le cose scritte nell’agosto 2013 sono vere e quindi anche Fausto De Maria deve assumersene la quota parte di responsabilità, o sono false e quindi l’amministrazione dovrebbe spiegarci i contenuti di quel manifesto apertamente contraddetti anche dalle dichiarazioni che il sindaco ha fatto alla NuovaTv.
Al sindaco De Maria dico che non basta uno streaming per essere davvero nuovi. La trita retorica del primo cittadino di Latronico inizia a farsi stucchevole. Può succedere, nel paese del Gattopardo, in cui troppo spesso operazioni di mero trasformismo vengono spacciate per rinnovamento. Ho la sgradevole sensazione che tra l’apparire e l’essere il sindaco De Maria abbia optato per ciò che è effimero. Parafrasando Renzi potrei dire a De Maria: esci da questo tweet”.
Maurizio Bolognetti, Segretario di Radicali Lucani e Direzione Nazionale Radicali Italiani

bolognetti3