BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Gen 012013
 

Vicinanza e preghiera, incoraggiamento e sostegno affettuoso. Il messaggio per i fedeli che S. E. Mons. Francesco Nolè , vescovo di Tursi-Lagonegro, indirizza a don Stefano Nicolao , a don Francesco Sirufo e a don Mario Radesca , rispettivamente parroci di Rotonda e di Viggianello , è un segno di attenzione e di paternità nei confronti di figli provati per i movimenti tellurici che inquietano e tormentano ancora l’area del Mercure.

Esplicitamente il presule, al contempo, loda la grande dignità e la compostezza con cui viene accettata quella che è una «grande prova», che perdura da più di due anni e che ha avuto il suo acme il 26 ottobre dello scorso anno.

«Mentre – continua il Vescovo – non è in nostro potere cambiare gli eventi della natura», occorre «fare opera di prevenzione e di sicurezza per abituarci a convivere con essi, considerandoli elementi naturali anche se straordinari e minacciosi».

Alla preghiera personale, il Vescovo Nolè aggiunge quella di «tutta la Diocesi che segue con trepidazione e attenzione l’evolversi degli eventi».

Padre e pastore, al Popolo di Dio che è in questi due centri del sud-ovest lucano, il Vescovo dice ancora: «non siete soli e non dovete sentirvi tali!»

Un grazie – infine – è rivolto «a tutti coloro che si sono impegnati per alleviare la sofferenza e il disagio provocati dal sisma: alle Istituzioni Civili e Militari e al vasto e benemerito mondo del Volontariato».

E non manca l’augurio, perché possa essere – quello che oggi incomincia – un anno sereno e ricco di Benedizioni celesti!

Monsignor Nolè conclude il suo pensiero – che verrà letto nelle due Comunità nelle celebrazioni di oggi, primo giorno del 2013, con l’invocazione del Signore Gesù che ha preso la natura umana per condividerla e ridarle dignità e speranza: Egli «è vicino a voi in maniera particolare, perché siete nella sofferenza e nel disagio».

Maria Santissima, sia conforto e ancora di salvezza.

 

nolè cantisani

 Lascia una Risposta:

*