Flash Feed Scroll Reader
feb 212013
 
image_pdfimage_print

Venerdì 22 febbraio 2013 alle 21,20 a Vade Retro (Tv2000, emittente dei vescovi italiani – Canale 28 Digitale Terrestre) speciale puntata dedicata alla sètta degli orrori di Matera, un gruppo scoperto in questi giorni dalla squadra mobile di Matera che vede, tra gli arrestati, il mago “Sal” e sei suoi “discepoli”. Le vittime hanno subito per anni estorsioni, minacce e ricatti.

In studio la testimonianza shock di una fuoriuscita, una delle tre sacerdotesse di “ Agates” che ha permesso l’arresto del  Mago Sal.

“Usavamo le bambole – ha raccontato a Vade Retro -  per fare  magie nere. Usavamo le bambole e gli spilli neri. Veniva fatto un cerchio e in questo cerchio poi subentravano altre persone che magari non conoscevamo e si iniziava a fare questo rito. Si usavano queste bambole, veniva bruciato poi il tutto dentro delle pentole oppure con un falò e fuori da un cimitero perché dicevano che le anime erano presenti. Poi il tutto finiva con l’ammucchiata perché Satana ci chiedeva di fare sesso”. “Anche noi sacerdotesse – ha aggiunto – dovevamo pagare perché il mago Sal comprava candele colorate o bianche, ceri bianchi grandi, comprava delle ceneri che diceva erano le ceneri dei morti, che grazie alla cenere dei morti noi avevamo la protezione. Comprava terra, terra magica oppure comprava il materiale per costruire delle bambole voodoo. Mi obbligava a comprare delle catenine d’oro o d’argento  perché l’oro lo doveva donare a Satana”.

In studio Don Aldo Buonaiuto, animatore del Numero Verde Antisètte della Comunità Giovanni XXIII. Conduce David Murgia.

foto 10