Flash Feed Scroll Reader
apr 162013
 
image_pdfimage_print

Ogni 60 secondi nei Paesi in via di sviluppo un bambino diventa cieco e, nella maggior parte dei casi, la cecità potrebbe essere curata o prevenuta. Numeri che fanno riflettere e che potrebbero essere drasticamente ridimensionati grazie ad un semplice, ma concreto, gesto di solidarietà come la donazione di un paio di occhiali che magari non si usano più. Ecco allora che anche lenti passate di moda e ormai dimenticate in fondo ad un cassetto o semplicemente non più adatte alla nostra vista, possono avere una seconda vita se regalate a chi ne ha bisogno. Partendo da queste considerazioni anche quest’anno il Lions Club Melfi ha promosso in tutte le scuole della Città il service di raccolta e riciclaggio degli occhiali usati. Accuratamente catalogati, selezionati, puliti e risistemati gli occhiali saranno poi donati gratuitamente alle persone che, nei Paesi del Terzo Mondo, hanno problemi legati alla vista e che altrimenti, non avrebbero la possibilità di acquistarli.

“Donando ai Lions occhiali da vista usati – ha commentato il dott. George Almaz, socio del Club Melfi e responsabile del Progetto – possiamo fare la differenza nella vita di un’altra persona. Un semplice paio di occhiali permette ad un adulto di continuare a lavorare o ad un bambino di continuare a frequentare la scuola”. “Nei Paesi sottosviluppati – ha aggiunto il dott. Almaz – l’assistenza oculistica è spesso troppo costosa o non è accessibile e, non è raro, che un esame della vista costi come un mese di stipendio, oppure per una comunità di centomila abitanti avere un solo oculista a disposizione”. Fondamentale per la riuscita dell’iniziativa è stata la generosità dei docenti, degli studenti e dell’intero personale. “Anche quest’anno – ha commentato Rosa Masi, Presidente Lions Club Melfi – grazie ad un gesto di grande umanità siamo riusciti a raccogliere un numero significativo di occhiali con i quali sarà possibile migliorare la qualità della vita di centinaia di persone”. Le lenti raccolte infatti, saranno donate al Programma di Riciclaggio di Occhiali da Vista Lions che si occuperà della distribuzione a medici e gruppi umanitari operanti in Africa, nell’America del Sud e in Asia.

masi