BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Feb 072013
 

Ecco quanto dichiarano i  Consiglieri comunali  di Lagonegro Maria Di Lascio, Pasquale Calabria, Giovanni Santarsenio e Nicola Tortorella. “Nel Consiglio comunale del 6 settembre 2012 veniva contestata a Maria Di Lascio, in modo alquanto pretestuoso, una presunta causa di incompatibilità. Nonostante le chiare e puntuali osservazioni prodotte, la maggioranza di centrosinistra ha dichiarato decaduto il capogruppo della minoranza mediante la votazione a scrutinio segreto, modalità che ha suggellato un atto vile e scellerato nei confronti dell’opposizione.

L’Amministrazione comunale ha reinterpretato fantasiosamente e creativamente le norme, ritenendo non rimossa una causa di incompatibilità addirittura inesistente (come ha accertato il Tribunale di Lagonegro)!

I cittadini devono chiedersi se davvero queste posizioni arroganti, fondate su falsità e mistificazioni, siano utili alla comunità lagonegrese.

Intanto si produconodanni su danni. Le spese legali derivanti dal giudizio, infatti, le pagano i lagonegresi, quei cittadini cui si impone l’aliquota IMU al massimo; che devono sopportare la derisione di chi dai paesi vicini commenta il distacco delle utenze dell’energia elettrica per morosità; che devono vivere in un paese sporco – inondato dalle cartacce e con i cassonetti stracolmi. Questa maggioranza sta scippando al paese il futuro, ipotecandolo con la redazione di bilanci fasulli.

Non ci sono altre strade che quella delle dimissioni degli attuali amministratori. Con la preghiera che prima di dimettersi provvedano a pagare i conti degli avvocati!

Sconcerta, inoltre, come l’indegnità del comportamento di questi “politici” sia stata in qualche modo “sostenuta” dai loro referenti regionali (Speranza e De Filippo, su tutti), cui la “civica” opposizione di Lagonegro ha sempre comunicato i soprusi e le malversazioni ricevute. Non serve propagandare “l’Italia giusta” poiché se questo è il loro concetto di “giustizia dobbiamo preoccuparci! Se questa è l’idea di democrazia e di rispetto delle regole che alberga nelle menti dei futuri onorevoli del PD, i lucani non possono stare tranquilli!

Il PD di Lagonegro, nel silenzio dei referenti regionali, ha scritto una pagina buia della storia politica del nostro paese. Il ripristino della regolare e democratica dialettica politica ed il rispetto del principio di legalità è solo merito dei Giudici: è con questa macchia che la maggioranza avvia la campagna elettorale. Vi invitiamo a ricordarvene nelle urne!”

 

 

 

Battaglia finale nel Consiglio Comunale a Lagonegro. Si è discusso della incompatibilità della consigliera Maria di Lascio

 Lascia una Risposta:

*