Flash Feed Scroll Reader
mar 202013
 
image_pdfimage_print

“E’ un momento importante per ItaliaCamp, perchè si tratta dell’avvio dell’internazionalizzazione della nostra attività”, ha aperto così la conferenza stampa dell’Associazione ItaliaCamp – network che unisce  70 università Italiane con Istituzioni e Imprese Paese – Antonio Catricalà, Presidente Onorario della stessa. “Abbiamo un patrimonio di 3000 progetti raccolti nel corso delle prime due edizioni del concorso “La tua idea per il Paese” promosso dall’Associazione ItaliaCamp – ha continuato nella sala stampa dell’Associazione della Stampa Estera – un vero e proprio tesoretto per chi sarà alla guida dell’Italia”. A presentare le attività associative 2013 è stato, quindi, Fabrizio Sammarco, giovane Presidente dell’Associazione ItaliaCamp, lanciando la 3° edizione del concorso “La tua idea per il Paese” (patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri) e la missione negli Stati Uniti d’AmericaUsaCamp – prevista dal 9 al 16 novembre 2013. UsaCamp è supportata dalla Fondazione ItaliaCamp e dagli autorevoli partner di progetto quali Enel Green Power, Ferrovie dello Stato Italiane, INPS, Invitalia, Poste Italiane, RCS Mediagroup, Sisal, Terna, Unipol GF, Wind e sostenuta dalla collaborazione avviata con l’Ambasciata degli Stati Uniti d’America, Fulbright Program e Italian Business & Investment Initiative. “ItaliaCamp nasce da un principio, quello del crowdsourcing – spiega Fabrizio Sammarco – ovvero la volontà di raccogliere validi progetti passando dalla gente comune attraverso l’asset delle 70 università partner, vero valore aggiunto del network ItaliaCamp. Siamo convinti di poter fare di più – continua Sammarco – e per questo abbiamo lanciato la prima sfida internazionale “UsaCamp 2013”: l’ambizione alta è rafforzare la missione di ItaliaCamp, collegando chi ha una buona idea con quanti hanno il potere economico, culturale e politico di realizzarla, anche oltreoceano”. UsaCamp – volta ad attrarre investimenti e proporre soluzioni di governance globale – intende valorizzare le migliori idee di business e di policy raccolte nell’ambito del concorso “La tua idea per il Paese”. Le progettualità verranno selezionate – grazie ad un comitato scientifico internazionale – tra quelle che perverranno, attraverso la rete, entro mercoledì 5 agosto 2013 sul sito www.governo.it e www.italiacamp.it da università, imprese, istituzioni, associazioni e cittadini. Le idee selezionate confluiranno nel progetto allo studio per un new deal del lavoro, promosso da “The European House Ambrosetti” al fine di presentare nuove strategie e soluzioni di medio-lungo periodo per stimolare la ripresa del mercato del lavoro in Italia, a favore di un autentico sviluppo economico e sociale. Valorizzare, dunque, le migliori eccellenze tra New York (alla presenza di importanti investitori e venture capitalists) e Washington (in collaborazione con autorevoli organizzazioni e think tanks internazionali). “ItaliaCamp ritorna in America – tiene a precisare Gianni Letta, Presidente Onorario della Fondazione ItaliaCamp – in quanto il giovane gruppo fondatore ha mutuato nel 2009 il metodo del barcamp – conferenza destrutturata nata nei campus americani – e, sperimentandolo in Italia, ha dato vita ad un nuovo modello di partecipazione sociale, ItaliaCamp appunto. Risposta e indicazione precisa al come “creare lavoro” apprendendo dagli errori del passato, per stimolare energie nuove, dare opportunità ai giovani verso la strada della crescita e dell’innovazione. Partendo, dunque, da un’iniziativa che originariamente poteva sembrare “accademica”, in quanto nata all’interno dell’Università LUISS di Roma e allargatasi, poi, a più di settanta università italiane, ItaliaCamp è riuscita a veicolare il carico culturale proprio dell’accademia alla realtà del Paese, generando esternalità positive per la società”. “I giovani professionisti di ItalaiCamp hanno saputo mettere insieme – continua Pier Luigi Celli, Presidente della Fondazione ItaliaCamp, – il trinomio Pensiero – Progetto – Fare. Fare consenso, dando un significato, un contesto alle azioni, partendo dal pregiudizio positivo secondo il quale se si cresce cooperativi, si cresce meglio: insieme si riesce meglio, quindi, soprattutto se applicato al contesto che oggi caratterizza il nostro Paese”.
Pier Luigi Celli ha quindi siglato, come rappresentante della Fondazione ItaliaCamp, il protocollo d’intesa con Diana Bracco, Commissario Generale di Sezione per il Padiglione Italia e Presidente EXPO 2015 SpA. L’accordo vedrà ItaliaCamp partner attivo di EXPO 2015, con l’intento di sperimentare la prima piattaforma internazionale di investimenti e idee che saranno presentate sul tema “Nutrire il Pianeta, energie per la vita”. “ItaliaCamp sarà espressione della EXPO Generation- sottolinea Diana Bracco – in grado di raccogliere la legacy generata da EXPO 2015, volano di crescita, nonché occasione di creazione di Pil. Il Padiglione Italia – continua – sarà caratterizzato dal binomio Storia e Innovazione, con lo sguardo al futuro e ItaliaCamp rientra a pieno nel concept Vivaio Italia che lo contraddistingue”.

ItaliaCamp_gruppo_PCM