Flash Feed Scroll Reader
gen 242013
 
image_pdfimage_print

“L’accordo tra Ministero, Regione e Conai per lo sviluppo della raccolta dei rifiuti solidi urbani dell’area metropolitana della città di Potenza è l’ennesima iniziativa spot che rischia di non dare i frutti sperati perchè non inserito  nell’ambito di un piano a sostegno dell’intero territorio. La Regione non temporeggi: si approvi il Piano regionale rifiuti”

“L’accordo tra Ministero, Regione e Conai per lo sviluppo della raccolta dei rifiuti solidi urbani dell’area metropolitana della città di Potenza è l’ennesima iniziativa spot che rischia di non dare i frutti sperati perché non inserito nell’ambito di un piano a sostegno dell’intero territorio regionale.” A sostenerlo in una nota il capogruppo in Consiglio Comunale dei Popolari Uniti Sergio Potenza secondo il quale a dare un’accelerata alle attività amministrative sono state le ultime vicende giudiziarie, mentre sarebbe stato più utile che l’iniziativa fosse arrivata insieme al piano regionale dei rifiuti, di cui, ad oggi ancora non si sa nulla.  E’ insufficiente – continua Potenza – avviare tale progetto – tra l’altro molto tecnico e articolato – senza alla base un nuovo programma complessivo per la gestione dei rifiuti. Per  il consigliere dei Popolari Uniti solo all’interno di una pianificazione generale si potrà pensare di assicurare  l’autosufficienza nello smaltimento dei rifiuti e ridurre la movimentazione degli stessi all’interno dell’ambito territoriale di riferimento. Una sfida che tutti gli enti preposti devono raccogliere, facendo sistema. Come in altre occasioni però  – sostiene Potenza – si agisce con un processo inverso senza una pianificazione a monte. In questo modo  è impossibile immaginare un’ inversione di rotta in tema di rifiuti.  La Regione non può più temporeggiare. Il piano rifiuti – conclude il consigliere dei Popolari Uniti – va varato in tempi stretti o  la montagna rischia di partorire l’ennesimo topolino.

Foto