Assemblea diocesana all’inizio del nuovo triennio pastorale per Tursi-Lagonegro

Sabato 26 ottobre alle ore 16.00 presso la Sala Ricevimenti “Piccolo Paradiso” ad Agromonte di Latronico (lungo la strada statale Sinnica) è prevista l’Assemblea diocesana aperta a tutti gli operatori pastorali diocesani e parrocchiali, per presentare il programma pastorale diocesano del prossimo triennio.
Sarà anche il momento in cui il Vescovo diocesano Mons. Francesco Nolè conferirà il Mandato catechistico a tutti i catechisti della Diocesi di Tursi-Lagonegro.
A conclusione del triennio che la Diocesi di Tursi-Lagonegro ha dedicato alla “emergenza educativa” rendendola una sfida aperta per la famiglia, la scuola e la parrocchia, si è celebrato il Convegno Ecclesiale Diocesano, occasione di verifica con i presbiteri della Diocesi, i delegati delle parrocchie e dei religiosi, e di rilancio per la pastorale ordinaria. 170 i Convegnisti che nei pomeriggi del 26 e 27 settembre si sono ritrovati, alla presenza del Vescovo, ad accogliere dapprima le relazioni e quindi, ripartiti per zone pastorali di provenienza, a confrontarsi sul lavoro svolto e a interrogarsi sulle sfide ancora aperte, nella prospettiva della nuova evangelizzazione.
“La fede, luce per la vita della Diocesi” (cfr. Lumen Fidei, n. 54) è stato il tema generale, declinato attraverso le relazioni dei vicari episcopali: mons. Salvatore De Pizzo che ha parlato della “Attualità della Parrocchia e degli organismi di partecipazione” e mons. Vincenzo Iacovino che ha sviluppato come traccia “Nuova Evangelizzazione: sfide, vie e proposte”.
A queste relazioni per tutti i convegnisti, altre due relazioni sono ste offerte al presbiterio: “Utilità e necessità della Formazione Permanente per il Clero” da mons. Francesco Sirufo; e “Amministrazione e Uffici di Curia: luoghi e strumenti di partecipazione e comunione” da mons. Rocco Natale.
Vivaci i dialoghi-confronto tra i presenti che, nei lavori di gruppo, hanno offerto il loro apporto e mostrato una grande vivacità pastorale nella diocesi lucana.
Con rinnovato entusiasmo, alla luce di Lumen fidei, e con lo slancio che riporteranno in Diocesi i tremila pellegrini che si recheranno a Roma per rinnovare le promesse battesimali sulla tomba di San Pietro mercoledì 23 ottobre, ci si appresta ad iniziare un nuovo percorso di vita e di impegno pastorale nella chiesa locale.
Il Vescovo affida a Maria Santissima di Anglona, a Sant’Andrea Avellino e al Beato Lentini la preghiera di intercessione per tutta la Comunità diocesana che, benedetta da Dio, possa camminare nella luce della fede e compiere un percorso pastorale ricco di benedizioni celesti, con un fecondo impegno di evangelizzazione da parte di tutti i fedeli.

don Giovanni Lo Pinto

vescovonolè[1]

Lascia un commento

*