BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Feb 212013
 

“MoMas”, ovvero Mobility Manager Studentesco. Quella figura, cioè, che consente di dare risposte di breve periodo ai problemi della congestione del traffico, dell’inquinamento, del tempo impiegato negli spostamenti e delle risorse economiche destinate dai singoli alla mobilità. Il mobility manager, infatti, opera sul governo della domanda di trasporto, lavorando in particolare sugli spostamenti sistematici e sui comportamenti delle persone. Punto di vista privilegiato è, però, la scuola.

L’estensione agli istituti scolastici dell’esperienza del mobility management  – previsto dal decreto interministeriale del 27 marzo 1998 sulle aree urbane – ha l’obiettivo di promuovere tra i ragazzi un’abitudine agli spostamenti collettivi o non motorizzati, diffondere una cultura della mobilità sostenibile nei giovani che non hanno ancora l’età per guidare un’automobile, facilitare tra gli studenti esperienze partecipative tese al miglioramento della qualità urbana.

Nasce così il progetto “Mobilità di classe”, promosso da Euromobility, Legambiente, Fiab e il movimento #salvaiciclisti  e che ha una duplice ragione: la valenza educativa e strategica di tale messaggio e il fatto che gli istituti scolastici attivano non indifferenti flussi di traffico.

Tra gli 8 istituti italiani presenti nel progetto c’è anche l’istituto superiore “Leonardo Da Vinci” di Potenza.

Il Progetto MoMas, partito in via sperimentale nell’anno scolastico 2012-2013,  prevede diverse fasi: il coinvolgimento e la formazione di un gruppo di studenti sul tema,  la realizzazione per ogni singolo istituto di uno studio sugli spostamenti casa-scuola, l’elaborazione dei dati raccolti finalizzata ad individuare ed elaborare proposte e soluzioni  più sostenibili e sicure e infine un confronto tra studenti e Amministrazione locale per verificare la possibilità di una rapida realizzazione delle proposte avanzate.

Attualmente 18 studenti del “Leonardo Da Vinci” hanno già costituito il proprio Ufficio di Mobility Management e sono impegnati nella prima fase di analisi del più generale sistema di mobilità nella città di Potenza e delle modalità con cui essa si integra nel sistema di trasporto casa/scuola.

In particolare la loro attenzione si focalizza sui tempi di percorrenza, i mezzi utilizzati, i collegamenti, gli eventuali pericoli stradali che si incontrano nel tragitto. E’ partita, inoltre, la compilazione dei questionari realizzati per  conoscere la domanda: i comportamenti attuali e le esigenze di mobilità dei singoli, in modo da meglio individuare gli interventi con maggiore probabilità di successo da proporre.

Un’attività che ben si colloca nell’attuale momento di sperimentazione nel capoluogo di regione del nuovo piano di trasporto urbano.

potenza6

 Lascia una Risposta:

*