Flash Feed Scroll Reader
ago 192012
 
image_pdfimage_print

L’’esito dell’’articolo sulla censura che il Comune di Lauria mi pone: “Se vieni non devi parlare della discarica di Lauria Carpineto”, finito in prima pagina sul vostro giornale, ha prodotto un buon risultato per le giovani band lucane che si esibiranno il 20 agosto a Lauria inferiore. Visto che ho dichiarato che non andrò per protesta contro la censura, il Comune di Lauria ha ridato il palco, la corrente elettrica, la Siae e un finanziamento per la serata. Evviva. Sono felice per i gruppi musicali regionali che si esibiranno. Sono felice per una serata diversa, di musica creata in Basilicata, una serata senza “cavatelli, fritture, angurie, arrosti” che dovrebbero essere vietate per legge visto che con questi “eventi”
enogastronomici abbiamo passato ogni limite e il colesterolo dei lucani è aumentato in agosto in maniera esponenziale. Il Comune di Lauria, ma è opera soprattutto di un assessore degno di operare in Iran, dove c’è anche la  condanna a morte per i tipi come me, insomma questo assessore mi ha vietato di parlare della discarica sequestrata di cui parlo per giunta nello spettacolo Asso di Monnezza finanziato dal Comune di Milano e da Legambiente. Insomma la libertà di espressione non è di casa a Lauria, l’’assessore e il presidente della Pro Loco avevano tuonato: “Se Pesce parla della discarica vi togliamo il finanziamento, il palco, la Siae, la corrente elettrica tutto.”. Visto che la serata senza il palco e la corrente elettrica non si poteva certo fare ho denunciato la censura fascista di cui sono stato vittima ed ho dichiarato di non andare a Lauria, così è tornato tutto in ordine. I musicisti lucani avranno tutto. E di questo sono felice perché potranno lavorare con libertà. Ma voi credete sul serio che io non metterò piede a Lauria? Ovviamente andrò, ascolterò i giovani con l’’attenzione che meritano e vi assicuro che ad un certo punto salirò sul palco e chiederò la parola. Ero l’ospite di onore fino a ieri, sono su tutti i manifesti, prenderò il microfono e parlerò di opportunità musicali e artistiche in genere che si aprono per i giovani nella nostra terra grazie ad alcuni Bandi pubblici regionali e parlerò della discarica Carpineto di Lauria quello che doveva essere e quello che oggi è. Racconterò dell’’opportunità ad oggi persa dall’area sud della Basilicata che è costretta a portare i propri rifiuti a Sant’Arcangelo con un notevole aggravio dei costi e quindi con maggiori tasse caricate ai soliti cittadini che non devono sapere niente. Devono pagare e basta. Per non farmi parlare potrebbero staccare la corrente elettrica ma ho pensato anche a questo, mi porterò un vecchio megafono a batterie e vedremo chi la spunterà. Vi aspetto a Lauria inferiore domani 20 agosto alle ore 21.00.”

Ulderico Pesce