Flash Feed Scroll Reader
ago 282012
 
image_pdfimage_print

Ecco quanto ha dichiarato il Sindaco Di Trani sugli ultimi incendi dolosi: “Due gravissimi incendi hanno ieri sera e stanotte interessato drammaticamente Maratea. Uno si è sviluppato tra le Contrade “Campo” e “Colla”, l’altro, pari, se non maggiore, per forza distruttrice a quello che nel settembre del 2009 divorò letteralmente la Pineta di Acquafredda, ha devastato la piana della Secca di Castrocucco, un’altra incantevole zona della nostra costa Marateota e Lucana.
Per quest’ultima, che con il suo antistante mare legittima da sempre la definizione di “Perla del Tirreno”, si è riusciti ad evitare fin dagli anni’70 il pericolo di una cementificazione selvaggia.
Ora, però, è giunto il momento di fare qualcosa di più al fine di tutelarla e salvaguardarla da delinquenti comuni che appiccano il fuoco con danni ingenti, complice sempre il vento – l’azione è strategicamente studiata – che rende difficile e arduo l’intervento dei Vigili del Fuoco, della Forestale, della Polizia Locale, della Protezione Civile che, comunque, ringrazio per l’impegno.
In tale ottica si impone il recupero di un Progetto elaborato fin dalla metà degli anni ’80 dall’ESAB consistente nella creazione di un Orto Botanico mediante la realizzazione di un percorso pedonale attrezzato che vada, senza soluzioni di continuità, da Acquafredda fino alla Piana di Castrocucco. Trattasi di un progetto che si sposerebbe splendidamente con l’Oasi Marina e che, oltre a procurare indubbi vantaggi turistico-economici costituirebbe, questo sì, un fattore di assoluta salvaguardia ambientale.
Su questo tema, per altro già previsto nel redigendo Piano Strutturale Comunale, intratterrò da subito il Presidente De Filippo e la Giunta Regionale. La realizzazione di tale progetto, alla desolante luce dei fatti odierni, diventa un imperativo categorico”.