Flash Feed Scroll Reader
ago 142012
 
image_pdfimage_print

La BLACK SHEEP si impegna costantemente sin dalla data di fondazione a promuovere lo sviluppo culturale e turistico, di Lauria e di tutto il comprensorio del Lagonegrese. Scopo principale dell’organismo è la massima collaborazione e interazione tra le realtà giovanili dei centri limitrofi, e pertanto la ricerca di un omogeneo sviluppo sociale e culturale tra i giovani dell’area sud della Basilicata, cercando innanzi tutto di abbattere quei limiti di “campanilismo” e di competizione ante-litteram che purtroppo prevalgono e sussistono in piccoli centri antagonisti come i nostri.

Come da statuto e come da finalità ultima del suo organismo, la BLACK SHEEP  si impegna, parallelamente alla coesione e collaborazione giovanile, allo sviluppo culturale e turistico del territorio, che vede sempre più le “usurpazioni” e le “migrazioni” di giovani e studenti verso nuove mete, sia scolastiche-accademiche, sia professionali. Con essi, i nuovi “emigranti” contemporanei, si ricercano sempre nuovi canali di comunicazione e di dialogo. Lavorando su manifestazioni e iniziative negli anni precedenti, in particolare modo ha suscitato collaborazione, coesione, integrazione e dialogo il LAURIA RIVŬTU FESTIVAL del luglio 2010 e pertanto per questa edizione il direttivo dell’Associazione ha ritenuto opportuno riproporre in maniera più articola, ampliata e potenziata la manifestazione culturale che vuole essere, come è stata nella precedente occasione, un nuovo volano tra la nuove generazioni, un punto di incontro e di confronto nel nuovo mondo giovanile.

Il LAURIA RIVŬTU FESTIVAL nasce come dice la parola stessa, RIVŬTU, come una “scossa”, un “disordine”, un ridimensionamento che le nuove leve vogliono dare alla società moderna, che è sempre più piatta e cieca dal punto di vista culturale. Giovani che   rivendicano il ruolo che gli spetta nel futuro, ma che invece li vede sempre più marginali. Idee, sogni, progetti per il domani, rivendicazione territoriale e culturale, attaccamento alle tradizioni e perché no, un buono e sano divertimento distribuito su i vari livelli di iniziative. É dentro questo contesto che il RIVŬTU è da leggere, non dentro la ribellione o lo scarso attaccamento alla regole della quotidianità.