Flash Feed Scroll Reader
ott 012012
 
image_pdfimage_print

Evitiamo di buttar via il “l’acqua sporca e il bambino”. É l’appello lanciato dal Presidente dell’Upi Basilicata e della Provincia di Potenza Piero Lacorazza, scrivendo questa mattina ai segretari nazionali, responsabili enti locali e capigruppo di Camera e Senato dei partiti rappresentati in Parlamento, sul rischio di discriminazione insito nei tagli e nei criteri di riparto.
“Buttar via il bambino – spiega Lacorazza – significa buttar via, assieme all’acqua sporca rappresentata dalle inefficienze e da un utilizzo improprio delle risorse pubbliche, diritti irrinunciabili, come quelli di studenti, cittadini, lavoratori ed imprese. Il bambino è tutto questo, la sfida di un Paese che fa bene, in primo luogo, le cose ordinarie”.
“Per evitare di mettere a serio rischio tale funzione – conclude Lacorazza – abbiamo pubblicato un dossier dal titolo “Province, case di vetro” per far verificare, rendendo trasparenti i bilanci dell’Ente, come il taglio da 500 milioni di euro sia davvero insostenibile per chi ha già subito la devastante contrazione di risorse prevista dalle manovre precedenti. Il dossier vuole inoltre richiamare l’attenzione su alcune contraddizioni, come quella di tagliare le risorse trasferite per funzioni delegate e quella di non far rientrare nei “consumi intermedi” i trasferimenti ad altri enti, istituzioni o società”. (r.s.)