Flash Feed Scroll Reader
mag 242012
 
image_pdfimage_print

In una interpellanza, il Capogruppo dell’Idv in Consiglio Comunale Angelo Lamboglia, giudica poco incisivo e distratto l’impegno dell’amministrazione comunale sui temi della sanità.

Ecco di seguito la presa di posizione.

“Egregio Sindaco di Lauria, arch. Gaetano Mitidieri, con la presente interpellanza pongo alla sua attenzione il problema legato all’offerta sanitaria presso l’ospedale di Lauria già precedentemente affrontato e che ad oggi sembra non aver avuto evoluzione alcuna.

Premesso che:

  • Lo scrivente, il 13 Febbraio 2012, protocollava presso il Comune di Lauria una mozione avente ad oggetto “l’impoverimento dell’offerta sanitaria presso l’ospedale di Lauria”;
  • La mozione di cui al punto precedente veniva discussa ed approvata nel Consiglio Comunale dell’1 Marzo 2012;
  • La mozione impegnava il consiglio e l’Amministrazione ad una più approfondita ed ampia analisi, nelle commissioni preposte, finalizzata alla predisposizione di un Ordine del giorno che affrontasse la questione in oggetto e le altre questioni attinenti al futuro riassetto generale del plesso ospedaliero di Lauria;
  • “La questione in oggetto” richiamata al punto precedente riguarda l’impoverimento dell’offerta sanitaria dettato dal fatto che, pur essendo le ore di presenza dei medici presso l’ospedale di Lauria le stesse, fino a fine Gennaio 2012  erano presenti  lo specialista fisiatra territoriale e due specialisti fisiatri del reparto dell’ospedale ed a partire da Febbraio 2012,  fornendo gli specialisti del reparto dell’ospedale il servizio solamente presso l’ospedale di Chiaromonte così come disposto dall’ASP, sono venuti a mancare le competenze specifiche di altri due specialisti rendendo di fatto impossibile la scelta da parte del cittadino;
    • Tra le questioni attinenti il futuro riassetto generale del plesso ospedaliero di Lauria, così come emerso dalla discussione consiliare dell’1 marzo 2012, può rientrare la dotazione di attrezzature idone a potenziare la diagnoistica in merito all’attività di post acuto;
    • La struttura sanitaria di Lauria già da tempo è stata riconosciuta come centro di riferimento per il post acuto(Lungo degenza, comi vegetativi, riabilitazione);
    • Ad oggi, a distanza di quasi tre mesi dalla discussione della mozione, oltre a non avere aggiornamento alcuno sulla questione, nessuna commissione è stata convocata e dunque nessun ordine del giorno è stato predisposto in merito;
    • La delibera della mozione approvata l’1 Marzo 2012  non è ancora disponibile e non è stata ancora pubblicata sul sito del Comune;
    • Il notevole lasso di tempo trascorso dall’approvazione della mozione, all’incirca tre mesi, e l’assenza di azioni concrete evidenziano la scarsa attenzione dell’amministrazione nei confronti di una questione che dovrebbe essere al centro dell’azione amministrativa per un comune che di fatto deve e può essere, sia per i numeri che per l’estensione, il riferimento per le politiche di sviluppo dell’area;

Considerato che:

  • L’impoverimento dell’offerta sanitaria presso l’ospedale di Lauria può essere agevolmente superato mediante opportuno coordinamento tra i due specialisti fisiatri del reparto che potrebbero comunque garantire una variegata offerta sanitaria e su Lauria e su Chiaromonte evitando disagi per il cittadino che, decidendo di farsi seguire dallo specialista di fiducia, deve sobbarcarsi un viaggio in trasferta presso altro presidio ospedaliero;
  • Da un’analisi delle prestazioni rese, per collocazione geografica e per incidenza della popolazione, nell’ambito dell’area sud del territorio della ASP, la struttura sanitaria di Lauria risulta essere quella con una consistente domanda di prestazioni diagnostiche;
  • Alla luce di quanto evidenziato appare opportuno e qualificante che, nell’ambito della programmazione aziendale di ampliamento e ammodernamento delle apparecchiature di diagnostica per il post acuto, la struttura sanitaria di Lauria sia dotata di una attrezzatura di diagnostica quale l’artroscan;
  • L’artroscan è un sorta di risonanza magnetica portatile che trova specifica collocazione nell’ambito del post acuto, e per le indagini di determinate patologie(colonna vertebrale, anche, ginocchio, spalla) e per il fatto che consente di raggiungere tutte quelle utenze impossibilitate a sostenere una risonanza magnetica completa;
  • E’ compito della politica quello di tutelare e potenziare un’offerta sanitaria di una struttura quale quella di Lauria che di fatto deve e può essere, per numeri e posizione, il punto di riferimento per l’intero lagonegrese;
  • Ancora una volta quanto deciso in Consiglio viene puntualmente ignorato svilendo di fatto e l’importanza delle tematiche trattate, e il ruolo dei consiglieri che vedono vanificato lo sforzo istituzionale nell’affrontare questioni che dovrebbero avere un ruolo primario nella programmazione di un territorio per il quale un tale aspetto costituisce un’opportunità di sviluppo;

INTERPELLO

Il Sindaco, Arch. Gaetano Mitidieri, su quanto segue:

  • Sulle motivazioni che vedono, puntualmente, agli impegni assunti in consiglio non far seguito un’azione concreta, ad evidenza di tutti i consiglieri, così come stabilito all’atto della delibera consiliare;
  • Sulle motivazioni che vedono una questione così importante per il territorio passare in secondo piano  non avendo registrato da più di tre mesi nessuna evoluzione in merito;
  • Sullo stato dell’arte e sulle azioni eventualmente messe in campo in merito ad una questione prioritaria per il Comune di Lauria e per il territorio in genere;
  • Sulla consapevolezza che, avendo la politica un ruolo primario nelle scelte di indirizzo che possono e devono contraddistinguere l’evoluzione e lo sviluppo di un territorio, un ulteriore prolungamento dei tempi nell’affrontare la questione può indebolire ulteriormente le legittime aspirazioni di una struttura sanitaria, dunque di un territorio, meritoria delle dovute attenzioni.”