Flash Feed Scroll Reader
set 292012
 
image_pdfimage_print

Si svolgerà domani, domenica 30 Settembre, nel centro storico di Nova Siri, a partire dalle ore 18:00, la seconda giornata della “Festa della libertà”. In programma eventi culturali ed artistici per segnalare l’attenzione su un tema decisivo: la cultura, le risorse ambientali, storiche e culturali come leva straordinaria per costruire nuovo sviluppo per la Basilicata. In particolare sarà presentata un’ipotesi di valorizzazione di alcune emergenze archeologiche e storico/paesaggistiche, a cura dell’architetto Graziella Fittipadi, ricercatrice dell’Universita’ degli studi di Bari, per significare che esiste un potenziale di risorse che può diventare un grande attrattore di flussi turistici e di valorizzazione dei territori collinari rispetto alla costa ionica. “La capacità ricettiva costruita lungo la costa(circa 20 mila posti letto) ha bisogno di fattori di destagionalizzazione – ha commentato il coordinatore provinciale di Matera del Pdl, il sen. Cosimo Latronico- che vadano oltre la stagione balneare che dura sessanta giorni. Troppo poco per tenere in piedi imprese economiche valide e per fare del turismo un settore stabile anche ai fini occupazionali. Un distretto turistico culturale che metta insieme le risorse culturali del Metapontino (centri storici, archeologia, eventi culturali legati alla storia dei luoghi), e’ una traiettoria che va trasformata in progetto da includere nella prossima pianificazione dei fondi europei”. La serata sarà anche l’occasione per presentare, da parte dell’attore teatrale Giuseppe Ranoia, alcune rime petrarchesche del poeta Sandoval de Castro, gia’ signore di Bollita, che intrecciò una relazione poetica con Isabella Morra.