Flash Feed Scroll Reader
ago 232012
 
image_pdfimage_print

“L’amministrazione di Rotonda ha finalmente indetto,per domenica 26 agosto, un incontro pubblico sul problema acqua. Il Circolo IdV-Movimento Civico di Rotonda lo ha appreso solo dalle pagine di un giornale locale, ma almeno un primo passo è stato fatto. Di questo siamo soddisfatti perché, finalmente, si potrà iniziare l’azione di chiarimento anche se, lette alcune dichiarazioni dell’ente, la battaglia per arrivare alla verità non sarà facile”. E’ quanto sostiene il Circolo dell’Italia dei Valori–Movimento Civico di Rotonda che continua: “Ce ne è voluto di tempo, ma dopo tanta reticenza, mai una risposta alle richieste inviate sia al Comune che ad Acquedotto Lucano, il sindaco è stato costretto, dalle nostre continue richieste, a tenere un incontro pubblico che fino ad ora ha sempre evitato di organizzare. Un risultato importante conseguito da IdV che è riuscito ad aprire una breccia nel muro della confusione che i due enti, Comune di Rotonda ed Acquedotto Lucano, hanno costruito per evitare che si conoscesse la verità sulla gestione dell’acqua nel nostro comune. Il circolo IdV-Movimento Civico di Rotonda, come sempre dalla parte dei cittadini, si è battuto per l’acqua pubblica, sostenendo, sempre, di non essere contro una legittima e legale gestione comunale. Questo è l’obiettivo che continuerà a perseguire nell’interesse dei cittadini, scardinando anche possibili intese tra Acquedotto Lucano e Comune perché l’anomalia gestionale rotondese venga mantenuta fino alla fine della consiliatura comunale con il solo scopo di poter addebitare ad altri la colpa di battaglie che si sapevano già perdenti in partenza.

 

Purtroppo, mentre nel resto dell’Italia e della Basilicata l’impegno politico-istituzionale è profuso per determinare nuovi scenari di governo per dare sfogo alla crescita ed all’occupazione, a Rotonda la politica e le istituzioni giocano a nascondino sulla gestione dell’acqua. Questo per difendere scelte che tengono nell’incertezza un’intera comunità su un diritto essenziale ed indiscutibile come l’acqua. Comunque ci siano delle leggi e delle sentenze specifiche, sembra che i due enti interessati giochino al gatto contro il topo senza mai affondare il colpo per chiarire la vicenda. Questi anomali comportanti condizionano la vita di una piccola cittadina come Rotonda perché un servizio così importante per la vita dell’uomo viene svolto in condizioni di rischio, sia per la salute che per l’ambiente e, non per ultimo, anche per le tasche dei cittadini che si vedono chiamati a pagare somme che non devono. Il circolo IdV-Movimento civico di Rotonda non si lascerà intimorire dalla politica medioevale a difesa di posizioni precostituite, ma si batterà fino alla fine perché venga fuori la verità sulla gestione dell’acqua a Rotonda”.

Fabiana PISANI