Flash Feed Scroll Reader
set 122011
 
image_pdfimage_print

Giovanni Francesco Brancati nacque a Lauria il 10 aprile 1612. Al compimento del diciottesimo anno d’età mutò il nome in Lorenzo Maria. Agli studiosi è noto come il Cardinale Lauria. I suoi primi studi si svolsero a Lauria presso la Parrocchia di San Giacomo sotto la guida dell’avvocato Aquilante Vitale. Nel 1630 entra nell’Ordine dei frati minori conventuali.  Per diversi anni studia nel bellissimo convento di Noia (Noepoli). Nel 1634, viste le sue straordinarie qualità, fu inviato a Roma . Conseguì la laurea nel 1637 presso il collegio di San Bonaventura. Nel 1647 fu assunto Segretario dell’Ordine dei frati minori conventuali con il titolo di provinciale d’Irlanda. Fu al servizio dei ben sei Papi. Papa Innocenzo X lo nominò lettore di teologia alla Sapienza. Papa Clemente IX gli affidò l’incarico di combattere il Giansenismo e Papa Clemente X lo nominò custode della Biblioteca Vaticana. Fu promosso Cardinale da Papa Innocenzo XI nel 1681. Si narra che quando fu fatto Cardinale “a Roma anche le pietre battevano le mani”. Straordinaria fu la sua amicizia con Frà Giuseppe da Copertino “il santo dei voli”. Il Cardinale lucano ne avviò il processo di Beatificazione tanto era forte il legame. Tra le sue opere più importanti il trattato De Incarnatione e il De Oratione Christiana, che può essere considerato il suo capolavoro. Papa Benedetto XIV affermò che “mai era stato scritto niente di più chiaro, di più sottile, di più sicuro”. Per l’alto valore spirituale del De Oratione si crede che lo stesso sia stato scritto dal Brancati in ginocchio. Nel Conclave che seguì alla morte di Papa Innocenzo XI, avvenuta il 12 agosto 1689, il Cardinale Brancati ebbe 15 voti e forse sarebbe stato eletto al soglio pontificio se non vi fosse stato il veto posto dai reali di Spagna. Il 30 novembre 1693 il Brancati cessava l’esistenza terrena in Roma dove fu sepolto presso la cattedrale dei Santi Apostoli, basilica che aveva fortemente contribuito a restaurare. Ancora oggi ,li studiosi di teologia si recano numerosi, dal mondo intero, presso la basilica dei Santi Apostoli, così come nella Biblioteca Vaticana per consultare le sue opere ivi custodite. Il 25 novembre 2006, per la prima volta, un gruppo di oltre 300 laurioti si è ricongiunto al Cardinale nella Basilica dei Santi XII Apostoli a Roma alla presenza del Vescovo diocesano Francesco Nolè. Il 7 dicembre 2006 è stato scoperto un monumento in suo onore in Piazza San Giacomo a Lauria.

Lorenzo Brancati: un francescano lucano ad un passo dal Papato

Prefazioni del Vescovo di Tursi-Lagonegro Mons. Francesco Nolè
e del  Sindaco di Roma Walter Veltroni

 

 

a cura di Mario Lamboglia
con la partecipazione dell’ Ass. Magna Grecia Lauria

Per stampare il libro basta scaricare il documento!

 Visualizzare a schermo intero per una migliore lettura!

 Cliccare su Abbonamento per gli altri libri!